Tag Archives: crisi

Imprudenti senza ardimento, avidi senza audacia, crudeli senza coraggio

Cuore di tenebra

L’ultimo dato dell’Istat annuncia che la produzione industriale nel mese di gennaio è calata di -0,7% verso dicembre 2014 e di -2,2% verso gennaio dello stesso anno. In forte controtendenza il mercato dell’auto con + 35%. Quest’ultima percentuale fa brillare gli occhi a Marchionne, ma alza il fatturato medio; se l’auto non avesse raggiunto quei livelli, il dato negativo di gennaio sarebbe stato peggiore. Le cause di questo perdurante ciclo avverso sono superficialmente raccontate dai media che recitano le solite

L’attualità è il simbolismo della storia

Ronconi

Ho scritto questo articolo due settimane fa, dopo aver visto lo spettacolo in questione. L’ho scritto, quindi, quando Luca Ronconi ancora non ci aveva lasciato. Lo conobbi nel novembre del 2005 a Torino, impegnato nel grande Progetto Domani per le Olimpiadi Invernali; ci siamo visti più volte e, anche se non lo incontravo da alcuni anni, resta una delle persone che mi ha formato per quello che sono oggi.  E’ quindi con umano e culturale dispiacere che provo ad offrire

Sfiducia in Italia: le differenze tra giovani e over 50

Sfiduciati in Italia. Le differenze tra giovani e over 50

Sono già passati sei anni da quando è iniziata la crisi e ai nostri occhi comincia a delinearsi un quadro abbastanza preoccupante: aumentano ogni anno sempre più le persone inattive, ovvero coloro che non hanno lavoro e che non si attivano per cercare di ricollocarsi. La maggior parte di queste persone ha smesso di cercare lavoro perché sfiduciato, convinto che non si ricollocherà mai più, anche perché faticano a trovare opportunità interessanti e in linea con i propri profili e quando le trovano non

Basta fingere

basta fingere

Nel Paese in cui il teatro dell’arte ha solide fondamenta, la finzione è una radicata abitudine che spesso ci fa immaginare la realtà disegnata per soddisfare i nostri i desideri. Stiamo fingendo che il quadro economico negativo dei primi mesi dell’anno migliorerà nel secondo semestre per poi diventare positivo l’anno seguente. Son tre anni che ci prendiamo in giro, che ce la raccontiamo e ce la cantiamo. Le fonti ufficiali da cui il governo, la confindustria, i sindacati, i blogger

Il Credo

spesa pubblica

L’America degli anni ‘20 viveva nell’illusione che possedere carta (azioni) equivalesse  a possedere ricchezza. Si è visto com’è andata a finire: dopo il crollo del ‘29, 15 anni di non crescita. Gli sboom, lo sgonfiamento degli aerostati pieni di carta del 1985, del 2001, e del 2008 sono stati la conseguenza del Credo  che il mondo occidentale sia il migliore mondo possibile perché  il suo destino sarebbe segnato dal segno +. Più crescita, più benessere, più ricchezza. Gli alchimisti della

Il futuro che verrà

Il futuro che verrà

Non sarà un futuro che potremo festeggiare in allegria, se non invertiremo la tendenza che ha soffocato l’industria dei servizi rendendola grassa, grossa, costosa, e per quanto riguarda la regina dei servizi, la Pubblica amministrazione, inconcludente se non dannosa. Invertire il trend significa che dobbiamo incominciare a risolvere l’annoso problema della produttività del comparto dei servizi per renderlo somigliante, in efficacia e efficienza, all’impresa manifatturiera; la quale ha rotto nel corso degli ultimi 50 anni il modello organizzativo piramidale in

« Older Entries